Vincenzi/Tidei assunzioni Asl di Civitavecchia per una sanità più efficiente

In un comunicato i candidati Pd alla Regione Lazio, Marietta Tidei e Marco Vincenzi dicono la loro sulle assunzioni alla Asl di Civitavecchia.

.”L’assunzione di 15 figure professionali di altissimo livello all’Asl Roma 4, tra cui figurano 5 medici per il pronto soccorso, testimonia la vicinanza e lo spirito costruttivo messo in campo dalla Regione Lazio guidata da Nicola Zingaretti. Inoltre sono previsti 12 milioni di euro per finanziare progetti esecutivi relativi ad investimenti in edilizia sanitaria: un’impronta chiara che testimonia la volontà di modernizzare la sanità.

Oltre alle assunzioni, quindi, sono previsti numerosi investimenti per la struttura ospedaliera di Civitavecchia: numeri e azioni che testimoniano come la sanita’ stia facendo passi in avanti importantissimi grazie alla collaborazione tra l’amministrazione regionale e la dirigenza dell’Asl.

Bisogna ovviamente proseguire su questo percorso, ma i risultati conseguiti vanno rimarcati perche’ testimoniano che negli ultimi anni si è lavorato per una sanita’ sempre piu’ efficiente e vicina ai bisogni e alle esigenze dei cittadini.

Ben altro atteggiamento dimostra, invece, il Movimento 5 Stelle, che senza concordare la data con nessuno, ha deciso di indire un Consiglio comunale aperto sulla vicenda del pronto soccorso. Capiamo che la campagna elettorale spinga ad azioni eclatanti, ma dopo tre anni e mezzo di disfattismo e immobilismo, presentarsi ora come i paladini della salute dei cittadini e’ francamente imbarazzante: la coerenza non e’ di certo la caratteristica dei 5 Stelle, ma un briciolo di dignita’, ogni tanto sarebbe opportuno. La Regione Lazio assume, fa investimenti e lavora per una buona sanita’. I 5 Stelle sanno solo chiacchierare a sproposito”.

 

Monterotondo, visita all’area industriale

Il 30 gennaio Marco Vincenzi, Marietta Tidei e Carlo Lucherini si sono recati in visita all’area industriale di Monterotondo. Un’area che dà lavoro a 5.500 persone. Un patrimonio di competenze, professionalità e innovazione al quale le istituzioni devono guardare con grande attenzione. Storie di coraggio e di lavoro, di investimenti in tecnologia e in capitale umano. un ringraziamento va al  Sindaco Mauro Alessandri e al Presidente Ruggero Ruggeri per aver organizzato questo bel momento di confronto.

Vincenzi: “Regione nega autorizzazione a discarica. Amministrazione Zingaretti, vicino ai cittadini”

“Esprimo soddisfazione per la decisione della Regione Lazio di negare l’autorizzazione a utilizzare l’ex cava di pozzolana in prossimità del sito archeologico di Villa Adriana come discarica di materiali inerti.

Con questa decisione, l’amministrazione Zingaretti conferma attenzione concreta alla tutela paesaggistica e del patrimonio storico–archeologico del territorio, serietà e rispetto degli impegni presi con i cittadini.

Non avevo dubbi e sono felice che il pronunciamento regionale sia arrivato con la massima tempestività, mettendo ben presto la parola fine a polemiche o possibili tentativi di strumentalizzazione”.

Lo dichiara in una nota Marco Vincenzi, consigliere regionale del Partito Democratico.

Incontro con i candidati al Salotto Palatino questa sera

Le parole del presidente Zingaretti al Teatro Olimpico di Roma

Si svolgerà questa sera, 27 gennaio alle ore 18, un incontro per approfondire le tematiche della campagna elettorale tra i candidati.

Parteciperà Marco Vincenzi e Marietta Tidei, che sottoscrivono, in questo giorno di ricordo, le parole del presidente Zingaretti al Teatro Olimpico di Roma in occasione della presentazione del libro ‘Testimoni della memoria – Per non dimenticare‘ consegnato a studenti e docenti del Lazio e della rinnovata sezione del sito della Regione dedicato alla Memoria.

“Sono cinque anni che si fanno non solo i Viaggi della Memoria, ma questa Regione ha investito molto sulla formazione del corpo docente rispetto ai temi della Memoria.

Ci sono ancora testimoni che hanno la forza di tornare in quei luoghi, noi dobbiamo esserne degni per passare il testimone a una nuova generazione.

Questo lo si fa con i Viaggi ma anche come stiamo facendo noi, con un portale internet che oggi presentiamo per scaricare documentazione, foto, materiali, producendo video da portare nelle scuole, libri e valorizzando questa tragica esperienza di tanti, che noi vogliamo non accada mai più e siamo orgogliosi di non aver fatto solo Viaggi ma di aver messo in campo una politica per la memoria collettiva”.

Roma – Via dei Cerchi,75 ore 18

La Regione finanzia attività sportello antiviolenza di Tivoli

Attività sportello antiviolenza di Tivoli aperto grazie ad un protocollo d’intesa tra l’Amministrazione Zingaretti, il tribunale di Tivoli, gli Ordini degli avvocati e degli psicologi, le forze di polizia.

Sportello antiviolenza di Tivoli: “Liquidato dalla Regione Lazio il contributo di circa 52mila euro al comune di Tivoli per il funzionamento del centro antiviolenza istituito lo scorso anno e ospitato nei locali della Procura.

Un finanziamento che anticipa la copertura dell’80% delle spese di attività, come previsto dal bando pubblico regionale, a tutela del lavoro che svolgono gli operatori e soprattutto del buon funzionamento di una struttura importante contro abusi e maltrattamenti alle donne”.

Lo dichiara Marco Vincenzi, consigliere regionale del Partito Democratico.

“Ricordo – continua Vincenzi – che il centro antiviolenza di Tivoli è stato aperto grazie ad un protocollo d’intesa tra l’Amministrazione Zingaretti, il tribunale di Tivoli, gli Ordini degli avvocati e degli psicologi, le forze di polizia.

Un accordo di programma innovativo, un modello di intervento tra i più avanzati nel Paese, che si pone come esempio in Italia per arginare uno dei crimini più odiosi e purtroppo sempre più diffusi.

Non è, infatti, solo uno ‘sportello’ per ricevere denunce, ma offre sostegno psicologico e giuridico alle vittime e soprattutto svolge una importante funzione di prevenzione”.

25 gennaio 2018

Vincenzi a Civitavecchia con la Tidei per dare continuità al lavoro svolto

L'intervento di Marco Vincenzi a Civitavecchia
L’intervento di Marco Vincenzi a Civitavecchia

Aula gremita ieri 24 gennaio all’incontro di presentazione a Civitavecchia della candidatura di Marietta Tidei con Marco Vincenzi e il Presidente Nicola Zingaretti.

“Grazie alle tantissime amiche, amici e compagni intervenuti – dichiara Marco Vincenzi nell’Aula Pucci – insieme a voi e con il vostro sostegno sarà possibile continuare a cambiare e far crescere il Lazio.

“Possiamo dire che dal 5 marzo – continua Vincenzi – vogliamo continuare questo lavoro, con la forza del fatti che sta nei risultati ottenuti ma sta anche in quello che vogliamo continuare a fare, con la consapevolezza di aver lavorato con rigore. Civitavecchia mi ha dato tanto sia dalla comunità, dagli elettori e dalle elettrici che hanno contribuito nello scorso mandato di essere eletto e anche avere un ruolo importante per il numero di consensi. Ho sempre avuto a cuore i cittadini di Civitavecchia e in questa circostanza voglio rivolgere un caloroso saluto a Pietro Tidei, che ha contribuito ad affrontare il lavoro che fin qui ho svolto e che, spero, io possa continuare nel progetto di rilancio della Regione.

“Io e Marietta siamo pronti a raccogliere questa sfida per il bene del Lazio e con la nuova legge elettorale, (toglie il listino e l’introduzione della doppia preferenza di genere, in ottemperanza alla legge nazionale) ci apprestiamo ad affrontare l’elezioni con l’obiettivo di produrre fatti “.

Patto per lo sviluppo e il Lavoro nei Comuni della Valle dell’Aniene

Firmato nella sede della X Comunità Montana dell’Aniene, a Madonna della Pace (Agosta) dal presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, e dai rappresentanti di istituzioni e associazioni di categoria del territorio, il Patto per lo sviluppo e il Lavoro nei Comuni della Valle dell’Aniene.

Il Patto, analogamente a quello siglato la scorsa primavera nei territori del sisma, prevede alcuni obiettivi comuni e mette a sistema le azioni della Regione e degli amministratori locali; inoltre, al fine di assicurare un confronto costante tra i soggetti coinvolti, e’ prevista l’istituzione di un Gruppo di lavoro e monitoraggio coordinato dalla Regione, che si occupera’ di effettuare quadrimestralmente una valutazione dello stato di avanzamento degli impegni assunti per eventualmente integrarli o modificarli.

Il documento viene firmato dalla Regione Lazio, dalla X Comunita’ Montana dell’Aniene e dai sindaci dei Comuni che ne fanno parte, oltre che dalle associazioni datoriali e sindacali presenti sul territorio Cgil, Cisl, Uil e Cna. “Un patto importante che rappresenta un piano di sviluppo condiviso che dara’ una svolta per la crescita del territorio. Fotografa la situazione che stiamo vivendo ovvero il passaggio dalla stagione del ‘si deve fare’ a quella del ‘si puo’ fare’. Il patto individua una serie di azioni che oggi siamo nelle condizioni di attuare nei diversi settori, dal trasporto all’agricoltura passando per il marketing territoriale”, ha commentato il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti.

L’intesa prevede una serie di impegni precisi, inquadrati in otto chiari assi di intervento. Questi alcuni esempi:

1) Commercio, attivita’ produttive, artigianato e investimenti: e’ previsto, tra le altre cose, l’ulteriore rifinanziamento della Legge Regionale 18/2007 (legge “per la tutela e lo sviluppo economico e occupazionale della Valle dell’Aniene”, finanziata nei mesi scorsi con 2 milioni di euro per la prima volta dopo 10 anni), la promozione di un programma di internazionalizzazione delle imprese del territorio e una serie di iniziative per supportare Comuni e cittadini nell’intercettare le opportunita’ regionali;

2) Agricoltura e aziende agricole: sono in programma iniziative per facilitare l’accesso alle opportunita’ regionali, ma anche misure a favore della filiera del legno, delle eccellenze agroalimentari del territorio e del monitoraggio della frammentazione fondiaria;

3) Sostegno al reddito, diritti e tutela del lavoro: in questo ambito l’impegno principale riguarda la sempre maggiore sinergia tra politiche attive del lavoro, formazione professionale ed esigenze del mercato del lavoro locale, sia attraverso l’ammodernamento del Centro per l’Impiego dell’area, sia attraverso strumenti di accompagnamento al lavoro e bonus assunzionali;

4) Scuola e politiche giovanili: verra’ intensificato il monitoraggio dello stato dell’edilizia scolastica e sara’ valutato il riorientamento dell’offerta formativa in linea con le strategie di sviluppo locale;

5) Diritto alla salute e integrazione socio-sanitaria: il Patto sancisce una serie di impegni tesi ad assicurare assistenza e cure ai cittadini del territorio, a partire ad esempio dalla ristrutturazione e riorganizzazione dell’Ospedale “Angelucci” di Subiaco (inclusa l’ultimazione della stazione di elisoccorso per cui la Regione ha recentemente impegnato 500.000 euro) fino all’impegno a valutare l’apertura degli ambulatori il weekend e la costituzione di Unita’ di Cure Primarie e a mettere in piedi il processo di concertazione necessario per la realizzazione della Casa della Salute Distrettuale;

6) Acqua pubblica e ambiente: oltre a rafforzare la programmazione degli interventi per prevenire il rischio sismico e idrogeologico, il Patto contiene l’impegno ad avviare un confronto in merito a temi come la revisione degli Ambiti di Bacino Idrografico e la prosecuzione del percorso per la sottoscrizione di Contratto di Fiume dell’Aniene. Le parti si impegnano inoltre a portare avanti azioni congiunte di interlocuzione presso gli enti competenti per il riconoscimento per l’approvvigionamento idrico e per il completamento della metanizzazione dei Comuni;

7) Infrastrutture, mobilita’, trasporti e banda ultra larga: il Patto impegna le parti a proseguire il confronto gia’ avviato per potenziare il trasporto pubblico locale e ad attivarsi per velocizzare le opere gia’ progettate per la S.R. n°5 Tiburtina, quelle inserite nel “Quadro dei Bisogni e delle Esigenze” predisposto da Astral e gli interventi contenuti nel Piano Banda Ultra Larga regionale. Inoltre, viene sancito l’impegno a lavorare insieme per far si’ che le richieste dei sindaci sulla vicenda del pedaggio dell’autostrada A24 siano accolte; 8) Turismo, sport e cultura: il Patto contiene infine una serie di impegni finalizzati ad ampliare l’offerta artistica, musicale e culturale nel territorio e a incentivare il turismo culturale in collegamento con Roma Capitale e i territori circostanti. Le parti si impegnano inoltre a valorizzare il turismo legato agli sport invernali per i siti di montagna della Valle dell’Aniene e a realizzare un pacchetto di misure promozionali nella cornice di VisitLazio.

 

Consegnati ad Agosta i nuovi minibus Cotral

Consegnati ad Agosta i nuovi minibus Cotral, per  garantire a tutte e a tutti il diritto di spostarsi, anche a chi vive in paesi più piccoli e lontani. Continuiamo a rispettare l’impegno per migliorare i servizi fondamentali nel Lazio, a partire dai comuni più piccoli, dalle aree interne, dalle zone che negli anni passati erano state dimenticate.

Lo abbiamo potuto fare grazie alla buona amministrazione di questi anni. Rimettendo a posto i conti, salvando e rilanciando aziende che erano in dissesto, come Cotral, abbiamo potuto ricominciare a investire in nuovi servizi per i cittadini e più garanzia dei diritti: dal diritto alla salute a quello alla mobilità.

Da ricordare due punti fondamentali per la mobilità dei Comuni della valle dell’Aniene:

  • I 3 minibus Cotral: dopo i 13 bipiano già in servizio sulla linea Subiaco-Roma, oggi consegniamo qui 3 dei 20 minibus destinati ai piccoli comuni del Lazio che sono in servizio già dal primo gennaio. Viene offerto un collegamento adeguato alle esigenze del territorio che farà anche risparmiare sui costi, visto che in alcune zone vengono impiegati mezzi con 50 posti che spesso viaggiano semivuoti. Anche questo vuol dire efficientare e migliorare i servizi.
  • Finanziamo il tpl locale con 400 mila euro: la Regione, attraverso Aremol, finanzierà un servizio di TPL sperimentale inizialmente con 400.000 euro per sei mesi che unirà Meta Aniene – Valle d’Ustica e Valle del Giovenzano per un servizio di trasporto intercomunale gestito direttamente dai comuni. Se il servizio otterrà buoni risultati il contributo regionale verrà rinnovato fino a diventare stabile.

Un nuovo segnale di attenzione verso le piccole realtà locali, che si integra con quello che abbiamo già fatto: ricordo, per esempio, che grazie all’azione sulle reti tra Comuni per il trasporto pubblico locale raggiungiamo circa 80.000 cittadini in più rispetto al passato.

Villa di Adriano, risanare l’ex cava…no alla discarica

“L’ex cava di pozzolana in prossimità della Villa di Adriano deve essere semplicemente risanata, nei modi e nei termini previsti dalla legge. Qualsiasi altro uso improprio sarebbe intollerabile. No, quindi, a ipotesi di discarica di qualunque tipo o natura”. Così il consigliere regionale Marco Vincenzi.

“Dai primi accertamenti effettuati – continua Vincenzi – sembrerebbe che nel 2008 sia stata concessa dall’allora commissario straordinario ai rifiuti un’autorizzazione per riempire l’ex cava con materiali diversi da quelli previsti per il risanamento ambientale. E questa è già una gravissima forzatura.

In questi giorni, poi, continuano a rincorrersi voci per utilizzare quell’area addirittura come discarica di rifiuti, sia pure di materiali inerti. Prendiamo atto, con sollievo, delle precisazioni del direttore politiche ambientali, Flaminia Tosini e dell’assessore regionale all’Ambiente, Mauro Buschini che negano qualsiasi autorizzazione in questo senso, anche se vi è una richiesta da parte dell’attuale proprietario. E ci aspettiamo che non venga mai concessa – continua Vincenzi – visto che l’ex cava si trova a poca distanza dalla Villa di Adriano e la discarica metterebbe in pericolo il sito archeologico. Anzi, sollecitiamo le autorità competenti ad intensificare i controlli in merito a presunti lavori all’interno dell’ex cava.

Tra l’altro – conclude Vincenzi – prima sono stati fatti affari sfruttando l’estrazione della pozzolana. Ora, si vorrebbe continuare a fare guadagni con un uso improprio di quell’area.

L’unica soluzione corretta è il risanamento ambientale, com’è giusto che sia in un’area di così grande valore storico, archeologico e paesaggistico”.